Comunicato del 8 Giugno 2017

0
1118

In merito alle accuse rivolteci circa l’organizzazione dei corsi di preparazione al test, l’Associazione Studenti Per ribadisce l’indignazione per la strumentalizzazione puramente elettorale, diffamatoria e populistica da parte di liste studentesche e sottolinea che i propri corsi estivi sono da sempre riconosciuti come qualificati e competitivi rispetto a concorrenti totalmente privati che lucrano con cifre di iscrizioni a tre zeri e sono il frutto di sacrifici dei propri associati con l’unico fine di rendere più agevole sotto tutto i punti di vista il difficile superamento del test. È ancora più populista parlare di corsi gratuiti dopo che il rappresentante della lista in questione durante la discussione in senato accademico ha proposto corsi a pagamento organizzati dall’università. È un tentativo bieco di diffamazione. I Pre-Test costituiscono solo una parte delle numerosissime iniziative rivolte a tutti gli Studenti delle scuole secondarie ai fini dell’orientamento in un’ottica di più ampia valorizzazione delle iniziative dell’Università di Bari. Ogni giorno non solo gli Studenti Universitari ma anche gli Studenti liceali ritrovano in Studenti Per un supporto gratuito didattico, ma anche psicologico e burocratico, per rendere più morbido il passaggio nel mondo universitario.

Il senso ultimo dei corsi di preparazione al test di ingresso per taluni corsi di studio è sempre stato, è tuttora e sempre sarà, quello di offrire un servizio nei confronti della comunità, un servizio svolto a ridosso dell’espletamento dei suddetti test e che viene svolto a seguito di mesi e mesi di preparazione, promozione, organizzazione e, infine, svolgimento intenso al sole d’agosto.

Come rappresentanti degli Studenti dell’Associazione più suffragata di Ateneo abbiamo sempre anteposto il bene dell’Istituzione ai nostri personali interessi e, nonostante organizziamo, come già detto, ormai da più di venti anni un corso di preparazione, abbiamo sempre votato in favore, all’interno degli Organi di riferimento, dell’istituzione di corsi propri e gratuiti da parte dell’Università stessa.

Nella più recente riunione del Senato Accademico, abbiamo anche fortemente avversato la proposta di un altro Studente componente del Senato, peraltro proprio unico rappresentante della lista che oggi ha manifestato, il quale ha proposto sì di effettuare corsi di preparazione da parte dell’Ateneo, ma a pagamento per chi ne volesse fare uso.

Siamo stati organizzatori, proprio insieme alla Scuola di Medicina, dell’unico vero corso di orientamento consapevole per liceali, organizzato nel corso di questo anno accademico da parte dell’Università. In due distinti turni si sono alternati centinaia di Studenti, provenienti dalla Puglia e non solo, che anche grazie al nostro impegno hanno avuto accesso gratuito a lezioni di Biologia, Chimica, Fisica e di altre discipline di base per l’area Medica e Sanitaria. Nondimeno, abbiamo partecipato all’orientamento in entrata, sempre accompagnati da Docenti, sia nel corso della settimana di orientamento di Ateneo, tenutasi a Febbraio presso il Campus Universitario, sia nelle singole sedi dei più disparati licei del territorio, nei quali abbiamo sempre promosso la Scuola di Medicina di Bari.

Riteniamo giusto pertanto scindere i diversi ambiti di discussione: da una parte, c’è la mancata organizzazione di corsi propri dell’Università, da un’altra c’è l’utilizzo di spazi universitari per l’espletamento di corsi di preparazione da parte di Associazioni Studentesche.

Negli ultimi venti anni, la Scuola di Medicina ha sempre concesso l’utilizzo di suoi spazi a tutte le Associazioni Studentesche (tre, nell’ultimo quinquennio) che hanno presentato un progetto simile al nostro, cercando sempre di venire incontro alle proposte presentate per il principio che si andava proprio a fornire un servizio aggiuntivo su base spontanea ai futuri concorrenti del test. Ogni anno, con abbondante anticipo, provvediamo a formulare apposita richiesta con schede di presentazione del progetto, validità e dati rispetto al test dell’anno precedente, assunzione di responsabilità in merito a eventuali danni accidentali e non, per tutte le aule attribuite, supporto organizzativo, calendario previsto, summa delle attività e tutto quanto serva per dare una determinazione quanto più dettagliata possibile della nostra iniziativa. Come si potrà intuire, da oltre venti anni gli Organi preposti non si sono mai opposti all’organizzazione dei nostri Pre – Test, riconoscendone la validità e il servizio offerto a fronte di altri corsi, questi sì meramente privati, che si svolgono in altri luoghi della città di Bari e richiedono cifre astronomiche per la partecipazione.
Infine, è doveroso rispondere all’accusa vera e propria di lucro nei confronti dell’Ateneo barese: è chiaro che questa è una semplice e infondata accusa, in quanto la nostra Associazione non presenta un effettivo guadagno per nessuno dei suoi componenti, e soprattutto non lo fa servendosi in qualsivoglia maniera dell’istituzione Universitaria. Quel che viene richiesto, come peraltro fatto da moltissime altre Associazioni che nel passato o nel presente si sono cimentate in organizzazioni di questo tipo, è una spontanea adesione nei confronti delle finalità dell’Associazione e dei suoi progetti, tra i quali anche i Pre-Test, le quali somme vengono chiaramente impegnate a scopo organizzativo, promozionale e per tutte le altre attività correlate allo svolgimento e al normale sostentamento di un’Associazione che offre svariati servizi.

Non possiamo certo essere felici di ricevere i cosiddetti “conti in tasca” da terzi, che pare abbiano più lo scopo di attivare la macchina del fango che quello di evidenziare un vero problema (quale potrebbe essere la mancata organizzazione di corsi di preparazione da parte dell’Ateneo), tuttavia non avendo nulla da cui nasconderci o di cui vergognarci abbiamo deciso di non incassare semplicemente il (duro) colpo all’immagine della nostra Associazione, fatta di ragazze e ragazzi che ogni giorno si adoperano per migliorare la qualità della vita accademica degli Studenti dell’Università di Bari, ma di rispondere con i fatti, pratica per noi consueta.

Rivendicheremo sempre l’inalienabile diritto a organizzare progetti, tra i quali anche i “Pre-Test”, che abbiano il solo scopo di avvicinare gli Studenti liceali all’Università e aiutare, nella difficile programmazione del periodo immediatamente precedente i test di ingresso, gli stessi ad accrescere le proprie conoscenze e credere in se stessi per superare un difficile e gravoso sbarramento.

In generale non c’è un vero motivo per visitare farmacia ogni volta che si sta per comprare farmaci. farmacia online è un metodo sicuro per ottenere farmaci. Come tutti gli altri medicina, Kamagra è di solito classificati in base del suo principio attivo. Un sacco di uomini sul “kamagra oral jelly 100mg“. Hai mai sentito parlare “Kamagra Oral Jelly in Regno Unito“? Un sacco di farmacie lo descrivono come “kamagra 100mg“. In occasione malattia renale può causare all’impotenza. Le cause della disfunzione erettile includono lesioni al pene. Malattia cronica, alcuni farmaci, e tessuto cicatriziale nel pene possono anche causare la disfunzione erettile. Discutere la questione con il proprio medico per assicurarsi che è possibile utilizzare questo generico. Più informazioni in grado di fornire il meglio in grado vostro professionista sanitario sarà quello di aiutare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here