CTP Medicina e Chirurgia del 12.09.2014 – Problematiche Matricole

0
1747

In data 12.09.14 abbiamo partecipato alla Commissione Tecnico Pedagogica del CdL di medicina e BEMC. Una lunga riunione a cui ha partecipato anche un esiguo numero di docenti e che ha visto in alcuni tratti momenti di tensione e dibattito acceso. Punto cardine dell’incontro, la sistemazione degli studenti del primo anno, al momento meno di 600 totali, nelle aule del Policlinico. Per comprendere a pieno il successo che i nostri rappresentanti hanno conseguito è però necessario fare un passo indietro ai mesi di luglio e di agosto:

– un’iniziale proposta prevedeva che i corsi del primo anno fossero tenuti interamente in una struttura diversa dal Policlinico, peraltro notevolmente distante da esso. Abbiamo cercato in ogni modo di scongiurare questa eventualità in quanto avrebbe comportato notevoli disagi logistici: primo fra tutti abbiamo fatto presente che, vista la pubblicazione della prima graduatoria a maggio, molti fuori sede avevano già preso casa in zona e che per i non automuniti i trasporti sarebbero stati fortemente disagevoli. Inoltre i pendolari avrebbero visto raddoppiato il tempo necessario per recarsi a lezione.

– una proposta di altri rappresentanti prevedeva una suddivisione fra matricole vincitori di concorso e ricorsisti. Anche a questa idea ci siamo fortemente opposti in quanto riteniamo che, seppure contestabile la sentenza del TAR, una volta immatricolati, tutti gli studenti devono avere pari dignità e diritti. Tra le altre cose abbiamo fatto presente che anche per i vincitori di concorso ciò avrebbe minato la necessaria serenità del percorso di studi, soprattutto nei primi anni.

– abbiamo dunque suggerito che la soluzione potesse essere quella di rivedere la disposizione di tutti gli anni nelle aule del Policlinico, al fine di consentire a tutto il primo anno di seguire le lezioni nella stessa struttura, in particolare presso le quattro aule degli Istituti Biologici. Questa soluzione, che ha richiesto un censimento di tutte le aule, permette inoltre di condurre le lezioni in teledidattica ma a brevissima distanza (praticamente una rampa di scale), senza patire gli effetti di un docente distante km e di difficile interlocuzione.

-per semplificare le procedure di immatricolazione, riducendo le code in segreteria e i plurimi ritorni presso la stessa, abbiamo collaborato con la segreteria studenti per rendere telematica la consegna dei moduli di trasferimento e convalida.

Ovviamente sono ancora numerosi i nodi da sciogliere: le modifiche e l’ implementazione delle strutture didattiche, la certificazione della sicurezza e delle condizioni igienico-sanitarie. A proposito di questo, non possiamo non segnalare l’atteggiamento poco costruttivo di taluni docenti ‘demolitori a prescindere’ delle nuove idee, in quanto, pur essendo noi consci dell’impegno necessario perché tutto sia pronto entro l’inizio dell’anno accademico, riteniamo doveroso per tutte le componenti della Scuola di Medicina profondere il massimo dell’impegno perché tutto possa trovare una soluzione dignitosa e coerente con quelle che sono le finalità del corso di laurea in medicina e chirurgia. Sembra invece che anche il più ampio dei discorsi non possa essere discusso senza che personalismi e problemi del ‘proprio orticello’ prendano il sopravvento.

Dalla nostra, non possiamo che rassicurare le nuove matricole e le loro famiglie che difenderemo sempre gli interessi degli studenti, che troveranno in noi la massima disponibilità per ricevere informazioni e delucidazioni e che anche in queste settimane che ci separano dall’inizio delle lezioni ci impegneremo perché tutto sia pronto il 27 ottobre, come abbiamo fatto anche nel mese di agosto, con riunioni il 4 e il 12 agosto e poi ‘consultazioni no-stop’ già dal 18 agosto. Abbiamo accompagnato i tecnici nei sopralluoghi presso le aule il 27 agosto, in una facoltà deserta, quando anche gli interlocutori principali latitavano. Abbiamo portato all’attenzione del Magnifico Rettore la questione con una protocollata del 7 agosto, discussa nel CdA dell’8 settembre.

Infine, non possiamo non sottolineare il grande spirito di servizio e il grande interesse dimostrato per le sorti delle matricole dal Prof. Polizzi, Decano del Corso di laurea, e dal Capo Area segreteria Sig.Francesco Lardo.

 

#studentiper #sempreconvoi

#daipretestallalaurea

In generale non c’è un vero motivo per visitare farmacia ogni volta che si sta per comprare farmaci. farmacia online è un metodo sicuro per ottenere farmaci. Come tutti gli altri medicina, Kamagra è di solito classificati in base del suo principio attivo. Un sacco di uomini sul “kamagra oral jelly 100mg“. Hai mai sentito parlare “Kamagra Oral Jelly in Regno Unito“? Un sacco di farmacie lo descrivono come “kamagra 100mg“. In occasione malattia renale può causare all’impotenza. Le cause della disfunzione erettile includono lesioni al pene. Malattia cronica, alcuni farmaci, e tessuto cicatriziale nel pene possono anche motivo la disfunzione erettile. Discutere la questione con il proprio medico per assicurarsi che è possibile utilizzare questo generico. Più informazioni in grado di fornire il meglio in grado vostro professionista salute sarà quello di aiutare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here